Unsere Geschichten

Positive eating

By 28 Gennaio 2019 Marzo 21st, 2019 No Comments

Non devi fare a meno

di tutto questo zucchero

Come possiamo rovinare i dolci piaceri di una vacanza. Ovviamente non lo facciamo. Quindi non diciamo: mangia meno zucchero! Diciamo: mangia lo zucchero migliore! perché ci sono alternative. Su questo abbiamo costruito un intero concetto: positive eating, per un piacere senza proibizione e rinuncia. Provalo.

Dr. Johannes Coy, un biologo e ricercatore sul cancro, ci ha dato l’idea. Era ospite all’Hotel Tirler e Hannes Rabanser ebbe modo di parlare con lui perché “mi piace parlare con le persone, chiedere cosa fanno, come vivono”. Ma con Coy la conversazione è andata oltre, arrivando a toccare l’origine comune di molte delle malattie moderne. La colpa è di Napoleone che, per rinforzare i suoi soldati, iniziò a importare grandi quantità di zucchero di canna. “Vedrai” disse Coy “presto dovremo riscrivere i nostri libri di medicina”. Forse quel momento è arrivato.

Lo zucchero ha un retrogusto amaro. Sono sempre di più i ricercatori che arrivano a questa conclusione. Su denti sovrappeso e marci avremo ancora da sospirare. Perché oggi lo zucchero è menzionato in diversi studi come possibile causa per il cancro, la depressione e il morbo di Alzheimer.

Un sacco di zucchero: bastano da 5 a 10 cucchiaini.

Diversi anni fa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l’allarme: bastano 5 o 10 cucchiaini di zucchero al giorno. Da evitare sono anche lo stress, le cattive abitudini alimentari e una vita troppo sedentaria.

Zuccheri alternativi: la nostra cucina ci sta pensando.

Fai abbastanza esercizio da noi, sull’Alpe di Siusi. Basta volerlo. Per il tuo benessere, ti invitiamo a lasciare lo stress a valle. Ma ci prendiamo cura anche della tua dieta. “Altrimenti non siamo soddisfatti”, dice Hannes Rabanser. Glutine e piatti vegetariani, senza lattosio e, dove possibile, prendiamo le erbe della nostra cucina dal giardino. “Abbiamo rosmarino, menta ed erba cipollina, ci manca solo il prezzemolo”.

E per le torte, i gelati e i dessert? Non preoccuparti, abbiamo anche quelli. Ma i nostri cuochi li addolciscono in modo diverso. Così zuccheriamo i nostri Kaiserschmarren con zucchero di barbabietola e spesso usiamo il galattosio, uno zucchero naturale semplice, che si trova anche nel latte materno di tutti i mammiferi e protegge addirittura i denti. Oppure il trealosio, un doppio zucchero naturale, che rende più cremoso il nostro gelato. Nel forno ci aiuta il tagatosio, che viene estratto dallo zucchero del latte ed è tollerato anche dalle persone intolleranti al lattosio.

Su e giù nei livelli di zucchero nel sangue: bene è quando sale lentamente.

Ci sono zuccheri alternativi che fanno bene, affermano scienziati come Johannes Coy. Considerato un pioniere nel trattamento biologico del cancro, Coy è autore di libri molto discussi. Nel 1995, lavorando al Centro Tedesco per la Ricerca sul Cancro, ha scoperto l’enzima TKTL1 che controlla il metabolismo dello zucchero nelle cellule tumorali aggressive. Coy ci ha convinto degli effetti positivi di questi zuccheri alternativi che, a differenza di quelli tradizionali forniscono al nostro cervello e ai muscoli la stessa quantità di energia, per un tempo più lungo. Quindi, a differenza dello zucchero di canna, l’aumento di zucchero nel sangue non avviene con rapidità. Questo permette al corpo di assorbirlo in modo sostenibile, evitando la formazione di grassi in eccesso.

Troppe informazioni in una volta? Troppe domande aperte? Abbiamo raccolto alcuni articoli che potrebbero aiutarti a capire meglio.

In albergo troverai una cartella con tutte le informazioni. “Le ho inserite in modo speciale” spiega Hannes Rabanser “perché questa cartella è in continua evoluzione”.

TEL
MAP